Salute

Intervento alla spalla per tendine sovraspinato: tempistiche di recupero

intervento-alla-spalla

L’intervento alla spalla per tendine sovraspinato si può effettuare tramite l’artroscopia ed è una procedura molto particolare. Come si effettua e, soprattutto, quali sono i tempi di recupero per i soggetti interessanti: tutto quello che bisogna sapere.

Cause del tendine sovraspinato

Il tendine sovraspinato schiacciato causa la sindrome di impigement ed è una patologia altamente dolorosa. Accade soprattutto quando si attua un movimento del braccio che va oltre un certo angolo. Nella maggior parte dei casi si interviene nella riparazione del tendine lesionato, poi in base alle necessità, anche al rimodellamento della testa dell’omero nonché acromion che sono le ossa dove il tendine scorre.

I professionisti del settore evidenziano che i soggetti maggiormente colpiti sono gli uomini sopra i 50 anni che svolgono attività sportive pesanti oppure un tipo di mestiere che richiede l’uso continuativo delle braccia.

Ci sono anche altre cause che possono variare da soggetto a soggetto come:

  • Il tendine sovraspinato scorre su un acromion uncinato
  • Si è subito un trauma importante
  • Si soffre di borsite alle spalle
  • Si soffre di artrosi

Ai primi sintomi è bene farsi visitare immediatamente da un medico che potrà valutare la gravità della patologia nonché le tempistiche per un intervento. Tra i sintomi tendine sovraspinato si può percepire:

  • Dolore acuto a braccio e spalla
  • Dolore acuto in zona sottoscapolare
  • Una limitazione del movimento e rigidità durante la sua esecuzione
  • Riposo notturno impossibile
  • Stanchezza e nervosismo con dolori che si accusano in tutto il resto del corpo.

Tempistiche di recupero dopo l’intervento

Tutti i soggetti che decidono di sottoporsi ad una artroscopia della spalla necessitano di un tempo di recupero di circa 3 mesi. In questo lasso di tempo non  verranno utilizzati gessi oppure tutori, ma il paziente dovrà stare attento ai movimenti.

In una prima fase, il medico prescrive una serie di antinfiammatori con la richiesta di effettuare degli impacchi con il ghiaccio da apporre sulla zona che è stata operata. Dopo qualche giorno dall’operazione il medico valuterà se il paziente potrà effettuare qualche movimento alla spalla.

Tutte le persone che si sottopongono a questo tipo di intervento dovranno seguire un percorso di riabilitazione con esercizi mirati. Quest’ultimo durerà circa due mesi e man mano verranno modificati proprio per raggiungere il recupero completo dell’arto e della sua mobilità. Non si dovrà mai agire con un fai da te o con esercizi che non sono stati decidi da un fisioterapista dedicato.

Affidarsi solo ad esperti del settore sia per l’operazione e anche nel periodo post operatorio.

Ti potrebbe interessare anche